Diagnosi del polso
diagnosi polso

Lo strumento diagnostico più importante per la scienza vedica è la diagnosi del polso, che permette di rilevare principalmente: - lo stato di salute psicofisica dell’individuo - gli squilibri prima che possano manifestarsi come malattia e di ravvivare l’intelligenza interiore dell’organismo.

E’ un mezzo utile a mantenere lo stato di salute, aiuta a prevenire le malattie e a riequilibrare gli scompensi in atto. Consente una maggior conoscenza della propria costituzione, andando a verificare le tendenze naturali del nostro corpo verso un determinato malessere fisico.

La diagnosi del polso si basa sulla conoscenza dei tre principi fisiologici (Vata, Pitta e Kapha), sulle loro qualità, sul loro accumulo e aggravamento e sulla capacità di riportarli in equilibrio.

I tre principi fisiologici o dosha sono identificati dal medico tramite diverse vibrazioni percepibili sull’arteria radiale del polso. La percezione e l’identificazione di alcune qualità vibratorie sono per il medico chiari segnali di squilibrio; la conseguente prescrizione farmacologica, di consigli alimentari, di abitudini, di uno stile di vita adeguato alla propria costituzione riporta in equilibrio lo stato di salute psicofisico.

L’autoanalisi del polso può servire a chiunque per rendersi conto del proprio stato di salute e per apportare variazioni in senso migliorativo dello stile di vita, delle norme alimentari e comportamentali. Il seminario vuole avvicinare le persone alla conoscenza di questo antico metodo diagnostico e in maniera più ampia alla conoscenza dei principi dell’Ayurveda.

Sede del corso: Monopoli, contrada Lamammolilla 476
Date: sabato 17 e domenica 18 dicembre 2016 dalle ore 9.30 alle ore 18
Investimento: 195 euro più iva